Categoria: In evidenza

Fotografare in sicurezza con la Rete Radio Montana

Quando si esce a fotografare in montagna la sicurezza non è mai troppa e Rete Radio Montana può essere un valido ausilio in situazioni poco piacevoli.

Rete Radio Montana è un progetto nazionale che mette in contatto persone che vivono la montagna, mediante l’impiego di radio ricetrasmittenti di libero uso e basso costo. L’obbiettivo non è quello di “socializzare”, ma di avere uno strumento di comunicazione in più che aumenti la nostra sicurezza personale.

Forse mi direte che, nell’era degli smartphone e delle app, uno strumento considerato obsoleto e passato può far sorridere o, quanto meno, sembrare pressochè inutile. In realtà, l’uso della radio in montagna ha la funzione di sostituire il telefono e le app proprio quando manca segnale telefonico, il traffico dati, ci si rompe il cellulare, va gù la batteria ecc..

Nasce dunque la proposta di riunire sotto un’unica frequenza radio a livello Nazionale (446.09375 MHz) con inserimento del tono subaudio (CTCSS) 114.8 Hz, in banda PMR-446 (UHF), denominato CANALE 8-16 (canale 8 + codice CTCSS 16), disponibile a tutti e non riservata esclusivamente ai radioamatori o alle Forze dell’ordine: qui non si fanno saluti, non ci si racconta di come si è dormito la notte prima o quant’altro si pù fare chiamando con un comune cellulare. Via radio gli utenti del progetto segnalano la propria posizione, le condizioni meteo e l’agibilità del sentiero o delle vie ferrate/arrampicata. E, soprattutto, rimangono in ascolto laddove qualcuno chiamasse aiuto. Ecco, non è un’alternativa agli organi preposti al soccorso, ma un plus per la prevenzione degli incidenti in montagna o in zone boschive.

Gli utenti di Rete Radio Montana si dotano di una piattaforma web, RERAMONET, sulla quale registrare preventivamente le proprie attività, specificando il percorso in montagna prescelto, così da essere più facilmente individuabili in caso di reale necessità.

La copertura del progetto aumenta grazie al coinvolgimento dei Rifugi che hanno deciso di aderire a Rete Radio Montana e alla conoscenza del territorio da parte dei Gestori.

Gli apparati radio PMR446 (Personal Mobile Radio, 446 MHZ), sono rice-trasmittenti di libero uso in molti paesi dell’unione Europea.La normativa italiana prevede che il proprietario di un PMR-446 è tenuto a comunicare con raccomandata al Ministero dello Sviluppo Economico il possesso dell’apparecchio ed è tenuto al pagamento di un canone annuo di di 12 euro, indipendentemente dal numero di apparati utilizzati. Un dispositivo PMR-446 è portatile e non superare i 500 mW ERP di potenza. E’ semplice da utilizzare, non presuppone conoscenze tecniche o radioamatoriali: lavora sulle frequenze da 446.0 a 446.1 MHz, suddivise in 8 canali normalmente già preimpostati sulle radio in commercio e con la possibilità di impostare dei subtoni per escludere altri segnali radio esterni al loro gruppo: da qui il canale 8-16 della Rete Radio Montana. (8 è il canale – 16 indica il subotno).

Data la bassa potenza di trasmissione, la distanza massima di collegamento a livello stradale tra PMR-446 è di circa 5 km. Salendo in montagna è possibile effettuare collegamenti con utenti posti anche a centinaia di km di distanza, con buona qualità di segnale e in assenza di ostacoli a vista. La Rete Radio Montana ha funzionalità “punto-punto“, cioè non necessita di ponti radio e permette il collegamento diretto con tutti gli utenti sintonizzati sul CANALE 8-16: maggiore è il numero degli escursionisti attivi, più cresce la copertura delle comunicazioni radio.

La partecipazione al progetto è gratuita ed implica l’accettazione di alcune precise regole sui contenuti e sulle modalità di comunicazione, nonché sulle procedure in caso di pericolo. Per esempio, se via radio si ascolta una richiesta d’aiuto, bisognerà allertare i soccorritori con il proprio telefono se funzionante o via radio, ripetendo la richiesta ricevuta.

Nel caso in cui deciderete di partecipare al Progetto vi verrà assegnato un Identificativo Radio (ID), strettamente personale, con il quale potrete identificarvi nelle comunicazioni radio che transitano sul CANALE 8-16 di RRM. Ogni ID è formato da una sigla che indica la Regione di appartenenza, seguita da un numero progressivo.

Da giugno 2019 anche io sono entrato a far parte del progetto con l’ID radio LIMA 580.

Se volete avere una panoramica sulle radio PMR sul mercato potete cliccare qui


Come fotografare la silhouette

Si fotografa una silhouette quando l’immagine che si immortala mette in evidenza, in nero su sfondo chiaro, esclusivamente i contorni del soggetto. Questo tipo di fotografià può essere molto gradevole e non è così difficile da ottenere con la nostra fotocamera. In questo articolo vi parlerò di come riuscire nell’intento. (altro…)


7 consigli per far scaricare più lentamente la batteria della tua Reflex

Quante volte durante la tua sessione fotografica ti sei accorto che la carica della batteria avrebbe potuto non supportarti fino alla fine e al momento eri sprovvisto di battery grip o della batteria di riserva?
Ci sono delle operazioni che se eseguite sulla propria fotocamera possono aiutarti a prolungare la carica della tua batteria salvandoti da quello stato d’ansia e, chi lo sa, pure a fare lo scatto dell’anno che magari a batteria scarica ti saresti mangiato le mani poi.
Eccoti 7 consigli.

(altro…)


Come fotografare la via lattea

Chi di voi non ha mai sognato di avere nel proprio portfolio una bella foto della via lattea scattata con le proprie manine? Per quanto possa essere un genere fotografico d’impatto che desta molto interesse tra i nostri spettatori, fotografare la via lattea comporta una serie di accorgimenti che per più di qualcuno può sembrare un processo macchinoso, ma che se ben applicati possono far portare a casa lo “scatto della vita”, come lo chiamo io. (altro…)


Samyang 14mm f2.8 – il grandangolare che da grandi soddisfazioni.

– revisionato il 29/05/2019 –

Ad un cento punto della vita di fotografi amatoriali si sente l’esigenza di sperimentare nuovi generi fotografici. Purtroppo capita che le ottiche in dotazione non sono sufficienti ad ottenere risultati decenti per quello che si sta incominciando a fare. Quindi apri il tuo portafogli, ti fai due calcoli (altro…)


Andoer Q999 – il treppiede portentoso

– revisionato il 29/05/2019 –

Diceva Nino Manfredi in “Tanto pe cantà”: <<basta la salute un par de scarpe nove e poi girà tutto er monno>>

Rifacendoci a quello che è il nostro hobby fotografico, mi piace contestualizzare questa espressione trasformandola in  <<basta na reflex e un treppiede e poi girà tutto er monno>>

In effetti non c’è niente di più vero. Quanto è importante per noi che pratichiamo l’arte fotografica avere sempre al seguito un treppiede pronto all’uso? In particolare un treppiede pratico, funzionale, versatile, leggero, poco ingombrante e possibilmente non troppo costoso. (altro…)